Spedizione Gratuita Oltre i 75€!

Le Nostre Ricette — uvetta

RSS

Strudel di Fichi e Pere

Tra gli alberi del nostro frutteto c'è un grande fico, che anche quest'anno ha dato i suoi frutti: tanti fichi sugosi e dolcissimi, scuri all'esterno ma chiari dentro con delle bellissime venature rosate. La mia mamma adora mangiarli così, anche dalla pianta, io preferisco utilizzarli come ingrediente, e, visto che avevo a disposizione anche delle pere, ho deciso di preparare lo strudel, il dolce perfetto per valorizzare al meglio la frutta, specialmente se tanto matura. Solitamente utilizzo una pasta simil-brisè preparata con gli esuberi del mio lievito madre ( se volete dare un'occhiata la ricetta è qui ), ma questa volta ho voluto provare l'impasto della ricetta trovata su Alice TV, ed ho sperimentato anche una nuova tecnica di chiusura della pasta, con un elegante effetto intrecciato. 



INGREDIENTI:
(1 strudel - 6 persone)

Per la pasta:
-250g farina00
-30g zucchero
-1 uovo
-40g burro
- 1 pizzico di sale
- acqua tiepida q.b.

Per il ripieno
-400g fichi
-400g pere
-40g uvetta
-20g pinoli
- 40g burro
- 20g zucchero ( da aumentare a seconda della dolcezza della frutta)
-pane grattugiato ( o biscotti sbriciolati )

Per decorare:
- zucchero a velo a piacere

Per prima cosa mettete a bagno l'uvetta in acqua tiepida, aggiungendo a piacere poco rum.

Versate la farina in una ciotola, aggiungete un pizzico di sale, lo zucchero, l'uovo e 40 g di burro morbido. Impastate per una decina di minuti, aggiungendo l'acqua tiepida poca per volta, fino a raggiungere una consistenza elastica e malleabile. Formate un panetto rettangolare, avvolgetelo nella pellicola e riponete in frigo per almeno 30 minuti. 

Nel frattempo preparate il ripieno. Tagliate in quarti i fichi, pelate e tagliate a fettine le pere, aggiungete lo zucchero e saltate per qualche minuto in una padella antiaderente dove avrete sciolto precedentemente 20g di burro. Non dovrebbe essere necessario, ma se la frutta che utilizzate non è abbastanza dolce potete aumentare la quantità di zucchero.

Sciogliete gli ultimi 20g di burro che serviranno per pennellare la sfoglia interna, e la superficie dello strudel a metà cottura.

Trascorso il tempo di riposo, ponete il panetto di impasto tra due fogli di carta forno e stendetelo con il mattarello fino ad ottenere un rettangolo di dimensioni 25x35 circa e 3-4 mm di spessore. Togliete il foglio di carta forno ed incidete entrambi i bordi lunghi creando delle striscioline lunghe 6-7cm e larghe circa 1 cm: serviranno per creare l'effetto intrecciato. 

Pennellate la sfoglia con il burro sciolto e distribuite nel centro, per quasi tutta la lunghezza, la frutta: aggiungete l'uvetta strizzata e ben asciutta, i pinoli e del pane grattugiato ( o dei biscotti sbriciolati ) per assorbire eventuali liquidi in eccesso.

Procedete quindi alla chiusura dello strudel, chiudendo il lembo superiore verso l'interno, ed alternando le striscioline laterali che andranno a sovrapporsi ed a creare l'intreccio.

Trasferite quindi lo strudel ( che si trova già sulla carta forno) in una teglia, ed infornate a 175°C per 25-30 min, e comunque fino a doratura, pennellando la superficie a metà cottura con il restante burro sciolto.

Una volta cotto lasciate raffreddare e servite ancora tiepido con un generoso spolvero di zucchero a velo. Potete conservare il vostro strudel in frigo, o, se le temperature lo consentono, anche in dispensa: si manterrà fragrante per un paio di giorni. Buona cucina a tutti!


Barrette ai cereali fatte in casa

In genere non facciamo colazione prestissimo, eppure a metà mattina mi ritrovo sempre con una voragine nello stomaco. Come diceva una famosa pubblicità: "...non ci vedo più dalla fame!". E così un giorno mio marito è tornato dal supermercato con una confezione di barrette ai cereali, dicendomi, a ragion veduta, che sarebbero state certamente più sane della cioccolata solubile delle macchinette che...

Grancereale

Li compra sempre mia mamma da inzuppare nel tè a colazione, ma, visti i loro gusti moto difficili, non avrei mai pensato che i biscotti grancereale potessero piacere ai miei bimbi, soprattutto nella versione frutta: fiocchi d'avena, uvetta, nocciole, e soprattutto mele sono ingredienti che presi separatamente non mangerebbero neanche sotto tortura!! Ma la combinazione di sapori e consistenze è...

Granola fatta in casa

Nonostante al mattino mi svegli infreddolita in quasi tutti i periodi dell'anno, in giorni come questi di gran caldo sento anch'io l'esigenza di iniziare la giornata con qualcosa di fresco. Il caffè non può mancare, ma al posto del tradizionale caffelatte preferisco un bicchiere di latte freddo o dello yogurt, uniti ad una generosa dose di granola. Se mi seguite saprete ormai che quando posso...